“Migranti in Europa: problema o risorsa?”. Il primo incontro dell’Istituto Arrupe in collaborazione con il Centro Astalli Palermo

 

L’Istituto di Alta Formazione Politica “Pedro Arrupe” ha ospitato l’incontro “Migranti in Europa: problema o risorsa?”. Tra i relatori, Maurizio Ambrosini docente di Sociologia delle Migrazioni e Sociologia Urbana all’Università degli Studi di Milano, e Chiara Peri responsabile della progettazione e addetta alle relazioni internazionali e al dialogo interreligioso presso il Centro Astalli di Roma, istituzione con cui l’istituto Arrupe è da anni in stretta collaborazione. L’incontro, introdotto da Nicoletta Purpura, direttrice dell’Istituto, ha previsto un momento di seminario durante il quale sono stati affrontati diversi temi riguardanti le migrazioni, con particolare attenzione all’analisi critica dell’agenda Juncker e degli ultimi fatti di cronaca riguardanti l’apertura delle frontiere europee ai profughi siriani. La presenza dei due relatori ha permesso di analizzare con pensiero critico anche la situazione dell’accoglienza in Italia, ripercorrendo le più importanti tappe che hanno portato alla legislazione odierna e, su questa base, cosa ci si aspetta dal futuro e quali proposte si possono avanzare per migliorare ciò che fino ad ora non è andato. All’incontro prettamente seminariale sono seguiti quattro gruppi di lavoro, riguardanti alcuni aspetti salienti del fenomeno migratorio in Italia e in Europa: il modello di accoglienza SPRAR, l’integrazione delle seconde generazioni di migranti e il ruolo della scuola e della famiglia, l’emergenza abitativa dei migranti, e la cooperazione imprenditoriale tra italiani e stranieri. I partecipanti ai vari gruppi si sono confrontati sugli argomenti attraverso le linee guida dettate dai moderatori ed hanno provato a trovare una risposta agli interrogativi e ai problemi che sono emersi durante i confronti. Le diverse esperienze dei partecipanti, che operano nel terzo settore e nello specifico sono a contatto a diverso livello con migranti, rifugiati e richiedenti asilo, ha permesso di affrontare il fenomeno da diverse prospettive, ha garantito una ricchezza sia negli interrogativi posti sia nelle possibili soluzioni da applicare nel concreto. Alla fine i gruppi hanno restituito in plenaria il risultato del lavoro svolto insieme. Quello di oggi è stato solo l’incontro di apertura di un ciclo di seminari che si svolgeranno presso l’istituto Arrupe sui temi della migrazione, dell’accoglienza, del diritto d’asilo, della normativa e dell’intervento europeo, con lo scopo di fare corretta informazione e fornire strumenti di azione concreta a chi opera nel settore e non solo. L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra l’Istituto di Alta Formazione Politica, in particolare attraverso il suo Osservatorio per le Migrazioni, insieme al Centro Astalli Palermo che con il lavoro che quotidianamente svolge con i migranti, i rifugiati e i richiedenti asilo, «con i piedi ben sprofondati nel fango e le mani ben conficcate nella carne», fornisce preziose informazioni e spunti sempre nuovi di riflessione.

FacebookTwitterGoogle+EmailWhatsApp